Reconstructions. Architecture, city and landscape in the age of destructions

Da attività episodica legata a eventi catastrofici straordinari, la ricostruzione sta diventando sempre più un’attività permanente nel nostro mondo. Guerre e terrorismo sono diffusi mettendo sotto attacco città e monumenti; terremoti e tsunami moltiplicano i loro effetti su un pianeta sempre più popolato, mentre gli effetti del cambiamento climatico iniziano a farsi sentire su scala planetaria. E oltre a ciò, le città sono in un costante stato di pericolo, accentuato dalla povertà e dalla disuguaglianza. Il tema della ricostruzione è quindi un tema centrale e per affrontarlo adeguatamente richiede, rispetto al passato, una cultura aggiornata. Guardare ai casi virtuosi in cui è stata perseguita la Ricostruzione come opportunità di miglioramento significa contribuire a costruire questa cultura che sa andare oltre l’emergenza e cominciare a immaginare il futuro.